Un Numero è un simbolo, una vibrazione e forme geometriche (geometria sacra in particolare e i Numeri stessi sono correlati) che mettono in relazione l’essere umano con l’universo, con altri esseri viventi e non viventi, ed anche con gli avvenimenti. Molti scienziati e filosofi si sono occupati della Numerologia, tra questi possiamo citare Einstein, Platone e Pitagora che dissero: “Tutto quanto nell’universo è numero”. Non essendoci nulla di isolato nell’universo, anche i numeri sono in relazione con altre cose, non operano da soli. Anche le sequenze numeriche di G. Grabovoi creano delle sinfonie numeriche, infatti sin dall’antichità si è capito che queste sinfonie sono organizzate per ottave, da qui la relazione con la musica. C’è anche un rapporto con il tempo e lo zodiaco, che è collegato al moto della Terra rispetto al Sole e a tutti i Pianeti, all’intero universo ed anche alla stessa nostra Vita in senso stretto (cioè il tempo che scorre).

Secondo la cultura indiana e cinese esistono dei ritmi e dei cicli che regolano la vita in assoluto. Anche nella Cabala c’è l’idea dei ritmi e dei cicli continui, inoltre questa ciclicità la possiamo trovare nella cultura Maya, che da un senso dell’eterno fluire (calendario Maya, molto complesso). In questa visione non esiste la fine del mondo, ma la fine di un ciclo, che da nuovamente inizio ad un altro diverso dal precedente ma in termini di profilazione identico allo stesso (G.B. Vico – Corsi e ricorsi storici). Tra questi insiemi di numeri e la musica c’è una relazione, per esempio i Veda parlano di questa danza universale, i danzatori sono i numeri. Anche l’astrofisica con potenti telescopi ha trovato questa danza nell’universo e in alcuni casi si sono potuti registrare i suoni che arrivavano dall’universo. Secondo la tradizione Ermetica, i numeri ci permettono di scoprire tutte le cose, innanzitutto ciò che siamo, il grado di relazione che c’è fra le diverse cose che esistono e le identità fra le stesse e noi stessi. Questo facendo un’analisi Numerologica della nostra data di nascita.

In Numerologia non si deve razionalizzare perché essa è collegata alla nostra parte animica (un bel pò) che non opera in modo razionale come la mente. Ad esempio come un cane riesce a percepire lo stato d’animo del padrone/amico umano, indipendentemente se sorride o piange, anche il nostro nome agisce in modo animico e non razionale perché oltre ad essere il nostro identificativo è anche un numero, e dietro a quel numero si nasconde una vibrazione e un significato. Quindi se mi hanno dato quel nome e ho scelto di tenermelo vuol dire che io stesso ho accettato il vero significato che sta dietro.

Il numero 0 ‘zero’ è arrivato da noi nel primo Medioevo, per noi 0 è niente oppure quando vogliamo far crescere un numero gli aggiungiamo gli zeri (10, 100, ecc.). Nell’antichità 1.000 era una quantità elevatissima, nell’Albero della Vita il regno è identificato con 10, noi diciamo dieci, ma per loro è l’unione fra 1 e 0 che è il tempo che corre; 0 è anche il nulla che non vuol dire ‘il niente’, ma qualcosa di diverso. Tale numero noi lo rappresentiamo come un cerchio, nei testi indiani troviamo un puntino (Suma). Lo 0 indiano del 3° secolo A.D. significava l’assenza totale, il vuoto, la condizione mentale che si prova quando si arriva al Nirvana, quindi il punto indiano non è il nostro 0 perché non ha un valore numerico ma simbolico. Questo si è tramandato nella storia, infatti ancora oggi molte donne indiane a scopo ornamentale mettono un punto di colore rosso sulla fronte, che in realtà rappresenta la capacità di arrivare al Nirvana e di conseguenza diventa il simbolo del tutto, dell’intero. Il simbolo dello 0 può essere fatto risalire alla meditazione Zen e non ha niente a che vedere con il nostro 0, tra l’altro se prendiamo il nostro numero e gli mettiamo dentro il punto indiano al centro ci salta fuori l’antico simbolo del sole inteso come Dio Unico che nella nostra cultura chiamiamo il Logos Cristico. I nostri numeri sono nati in India nel 580 D.C. , sono arrivati nella nostra cultura europea nel 1280 e in questo contesto medievale lo 0 ha acquisito subito significati diversi: ad esempio quello di essere il separatore tra i numeri positivi e quelli negativi, oppure quello dei due 0 messi l’uno di lato all’altro () che diventa il simbolo dell’infinito, successivamente è diventato ciò che è istantaneo, ovvero il Tempo 0.

Per Jung il numero è un’entità Sacra (archetipo dell’ordine fattosi cosciente), l’inconscio collettivo è un campo di energia basato su questi archetipi numerici collegati. M. Louise Von Franz dice:”…i valori numerici sono gli ordinatori del campo di energie dell’inconscio collettivo e quindi su questa base è possibile elaborare le caratteristiche personali, anche prevedere il futuro con una previsione probabilistica di tipo matematica”. Gli stessi fisici parlano di campo di energia unificato, conosciuto come la “Matrix Divina”, dal libro di Greg Braden.    I pitagorici affermavano che tutti gli oggetti sono composti da numeri interi e che i numeri sono l’essenza dell’Universo. Lo intendevano in senso letterale perché i loro numeri erano quello che per noi sono gli atomi a livello della materia, infatti nella nostra idea moderna la sedia è composta da atomi, che a loro volta sono composti da particelle subatomiche, che a loro volta creano strutture più grandi dell’atomo stesso. Einstein ha detto che sono pacchetti di informazioni d’energia che generano la massa, e quindi a livello quantico anche noi siamo onde di energia in un campo energetico che è connesso ad ogni cosa dell’Universo, tutto questo all’interno di un campo unificato paragonabile a un grande oceano di possibilità. Anche Deepak Chopra definisce questo livello il “regno non locale” e lo identifica con un’intelligenza cosmica che grazie al potere dell’intenzione organizza la pura potenzialità in particelle quantiche, che formano aggregati di atomi, che infine danno luogo alle strutture fisiche coincidendo con l’inconscio collettivo descritto da Jung.

 

I Numeri ci parlano

 

Iniziamo con un fatto reale che ci può far capire come un approccio razionale, a quelle che sono le capacità elaborative della nostra mente, non ci permette di individuare quelle che sono realmente le potenzialità dei numeri e della Numerologia. Comunicare con i numeri non è fantascienza, nel libro ‘L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello‘ Oliver Sacks, un famoso neurologo e accademico britannico, documentò il caso di John e Michael, due gemelli di 26 anni che erano affetti da autismo la cui forma più profonda di comunicazione consisteva nello scambiarsi dei numeri primi di sei cifre. Mentre li ascolta memorizza alcuni numeri primi di otto cifre, che poi durante l’incontro successivo lascia astutamente cadere nella conversazione, alla sorpresa dei gemelli segue una concentrazione che si trasforma in esultanza quando riconoscono che in effetti si tratta di nuovi numeri primi. Come facevano i gemelli a scoprire che quei numeri non erano numeri qualsiasi, ma erano dei numeri primi? All’età di 37 anni furono divisi dai medici, convinti che quel loro linguaggio numerologico privato stesse ostacolando il loro sviluppo. I gemelli è verosimile che usassero qualche trucco basato sul ‘Piccolo teorema di Fermat‘ per verificare se un numero fosse primo, tale metodo è simile a quello grazie al quale i due autistici riescono a stabilire rapidamente che, ad esempio, il 13 Aprile 1922 era un Giovedì. Questi calcoli si basano su una speciale aritmetica detta modulare o aritmetica dell’orologio. Prima di venire separati erano arrivati a numeri di 22 cifre, molto più in là delle tavole dei numeri primi che noi abbiamo. I calcoli dei bambini prodigio sono inconsci e somigliano al futuro calcolo dei computer quantistici che sono in fase di sperimentazione; funzionano scegliendo la soluzione giusta in modo quasi istantaneo tra tutte le soluzioni possibili. Con gli autistici (non tutti) si può colloquiare anche con numeri e simboli.

I numeri ci parlano in continuazione, ad esempio attraverso le targhe, tramite il conto del supermercato ed altro ancora. La vita è analogica, non logica.