Numerologia Indiana

 

La Numerologia indiana è anche conosciuta come numerologia vedica perché emersa nell’era dei Veda, un’antichissima raccolta in sanscrito vedico di testi sacri indo-ariani. La maggior parte del periodo vedico (eccetto la prima fase del Rig-Veda) si è verificato dal XII al VI secolo AC, rendendo questo sistema numerologico più o meno contemporaneo ai sistemi numerologici caldei e cinesi. La Numerologia vedica funziona sul principio della risonanza vibratoria dei numeri. Quando la propria azione e la vibrazione del numero dell’individuo sono in armonia, si crea la risonanza. Il numero di una persona agisce bene quando si verifica la risonanza.

Dietro questo concetto c’è una visione molto allargata di quello che è il principio di Causa ed Effetto. In realtà l’idea è la seguente: noi abbiamo scelto inconsapevolmente la nostra data di nascita, tenendo conto di tutte le nostre vite precedenti.
In qualche maniera, il karma indiano ci fornisce tutta una serie di informazioni che riguardano il dove siamo arrivati al momento della nostra nascita e da quale punto procediamo in avanti. Dal Karma indiano possono derivare molti fattori che condizionano la nostra vita.
Come vedremo più avanti, nella Numerologia indiana o vedica questa condizione iniziale può essere superata e modificata dalla scelta del nome che utilizziamo durante la vita. Inizialmente il nome che ci hanno dato, successivamente un nome che possiamo esserci scelti noi (magari con l’aiuto di un/a numerologo/a specializzato) o che ci può essere stato dato da qualche Maestro durante l’arco della nostra vita.

✓ Nella Numerologia vedica ogni Anima sceglie la propria data di nascita tenendo conto di tutte le vite precedenti.
✓ Il Numero karmico indiano ci indica perciò a che punto del nostro percorso ci troviamo al momento della nascita e in che direzione ci muoviamo.
✓ La condizione di partenza può essere modificata dalla scelta del nome: quello che ci hanno dato i nostri genitori in primis, quello che noi o il nostro Maestro sceglie per noi successivamente, quello che risulta in armonia col proprio karma dopo un attento quadro numerologico e ci piace.

Ogni sistema numerologico ha la sua “specialità”, come i numeri composti del sistema caldeo.

Il discorso del karma indiano si affianca al discorso numerologico del giorno di nascita:
– Nella numerologia indiana viene data grande rilevanza al giorno di nascita.
– Le caratteristiche del giorno di nascita, di carattere generale, vanno messe insieme a quelle del risultato completo.
– Man mano che si prendono in considerazione tutti i risultati si scende sempre più in profondità nell’analisi, passando dal generale al particolare.

Per fare un’analisi karmica di un qualsiasi nome, secondo la Numerologia Indiana, dobbiamo guardare al risultato di un numero, ad esempio del giorno di nascita, cioè cosa significa questo numero, quali conseguenze ci sono nell’essere nati tale giorno. Però questo livello è il più generico, con poche informazioni, ed è un qualcosa di condiviso con tantissime persone. È come se ci fosse una specie di piramide, per cui si passa da livelli più generali a livelli più dettagliati, senza trascurarne nessuno.
Nel momento in cui i risultati di un numero ‘x’ li mettiamo assieme ai risultati del karma, e quindi mettiamo insieme il giorno di nascita con il numero karmico indiano, la quantità di persone con uno specifico numero di karma si riducono. Man mano che si va nell’analisi del risultato karmico, tanto più si restringe il campo, tanto più si personalizza il risultato.
Dall’altra parte, le informazioni che ci derivano dal numero karmico, proprio in termini numerici di quantità, sono molte di più di quelle che ci arrivano dal solo numero del giorno di nascita.
Quindi, da una parte personalizziamo sempre di più il risultato, ma dall’altra parte arriviamo a molte più informazioni di quelle che avremmo avuto facendo l’analisi del solo giorno di nascita.

Background sull’Induismo

Non sorprende che alcune delle principali religioni del mondo incorporino la Numerologia nei loro studi, raggiungendo con essa più di quanto si credesse possibile. Diamo un’occhiata a come viene applicata la Numerologia nell’induismo, la terza religione principale al mondo.

Una delle religioni più antiche del pianeta, l’induismo è praticato da quasi il 15% della popolazione mondiale, circa 1,15 miliardi di persone. Ha avuto origine nel subcontinente indiano e costituisce quasi l’80% della popolazione religiosa indiana, sebbene ora abbia aderenti in tutto il mondo. Altrimenti noto come Hindu Dharma, dopo la legge eterna della religione, l’induismo può essere fatto risalire al secondo millennio a.C.

Gli aderenti alla religione indù vedono l’induismo come uno stile di vita e non solo una religione. Credono che la verità venga in molte forme e dipenda dalle circostanze del credente. Una lunga e continua tradizione, molte idee, pratiche ed esperienze formano una vasta rete di diversità all’interno della religione stessa.

In generale, la Numerologia è lo studio dei numeri e dei loro significati. Tuttavia, è necessario immergersi molto più in profondità del livello della superficie quando si tratta di discutere di numerologia indiana, perché la Numerologia non riguarda solo la matematica. Questa materia implica la comprensione di ogni numero come una diversa fonte di energia. Questi elementi costitutivi dell’energia comprendono il modo in cui comprendiamo noi stessi, gli individui intorno a noi e l’universo in generale.

Individualmente ogni numero può essere analizzato per isolare tratti, comportamenti e qualità particolari. Se presi insieme, i modelli di numeri possono essere utilizzati per comprendere il modo in cui tutto combacia, un’immagine più approfondita e complessiva di una persona e delle sue motivazioni. Tuttavia, da dove otteniamo questi numeri?

Forse hai notato un numero particolare, che appare ancora e ancora in qualche modo, forma o sagoma, per tutta la vita. Forse hai sempre avuto un numero fortunato o un numero che ha avuto un significato per te per un motivo o per l’altro. Eppure, altri numeri significativi si trovano nella tua data di nascita o associati alle lettere del tuo nome di nascita. In breve, numeri significativi possono essere trovati ovunque.

Data la natura della religione indù, non è difficile vedere come la Numerologia si sia intrecciata con la fede. Forse più di altre religioni, l’induismo usa tale pratica per descrivere le persone e anche le loro motivazioni. Nel complesso, molti indù credono che una combinazione delle caratteristiche dei numeri che ci riguardano possa fornire un’immagine di base, sino ad arrivare nel profondo dell’animo.